convenzioni matrimoniali

convenzioni matrimoniali

Per regolare i loro rapporti patrimoniali i coniugi possono scegliere fra varie opzioni. Il regime patrimoniale legale dei coniugi, in mancanza di scelta e quindi di diversa convenzione, è costituito dalla comunione legale; i coniugi possono stipulare apposita convenzione matrimoniale per scegliere un regime diverso, come ad esempio la separazione dei beni.

Altre regole particolari sono previste per il fondo patrimoniale, con il quale ciascuno o ambedue i coniugi o un terzo possono destinare alcuni beni a far fronte ai bisogni della famiglia.

Comunione legale

La comunione legale è il regime patrimoniale della famiglia in forza del quale i beni acquistati durante il matrimonio sono comuni a entrambi i coniugi, anche se è intervenuto solo uno all’atto di acquisto. Per disporre dei beni comuni occorre sempre il consenso di entrambi.

Separazione dei beni

La separazione dei beni è il regime patrimoniale della famiglia in virtù del quale ciascun coniuge conserva la titolarità esclusiva dei beni acquistati durante il matrimonio. 

La separazione dei beni non ha nulla a che vedere con la separazione personale consensuale o giudiziale e non incide in alcuno modo su i diritti (anche ereditari) del coniuge.

Fondo patrimoniale

Oltre a scegliere tra comunione legale o separazione dei beni, i coniugi possono anche scegliere se costituire un fondo patrimoniale. Il fondo patrimoniale è un particolare tipo di convenzione attraverso la quale determinati beni possono essere destinati a far fronte ai bisogni della famiglia: ciò significa che il fondo patrimoniale è un patrimonio destinato ad uno specifico scopo.

È importante confrontarsi con il  notaio: egli infatti ha una conoscenza specifica della materia ed è in grado di consigliare ed informare specificamente sui vantaggi e svantaggi di ciascun regime patrimoniale.

Contattaci

mutui ipotecari

Il mutuo ipotecario è un finanziamento a medio-lungo termine, che in genere dura da 5 a 30 anni. Di solito il cliente riceve l’intera somma in un’unica soluzione e la rimborsa nel tempo con rate di importo costante o variabile.

Serve per acquistare, costruire o ristrutturare un immobile, in particolare la casa di abitazione. È chiamato “ipotecario” perché il pagamento delle rate è garantito da un’ipoteca su un immobile. Può essere concesso dalle banche e da altri operatori finanziari che in questa Guida chiamiamo tutti “intermediari”.

Mutuo a tasso fisso

Il tasso di interesse resta quello fissato dal contratto per tutta la durata del mutuo. Lo svantaggio è non poter sfruttare eventuali riduzioni dei tassi di mercato che dovessero verificarsi nel tempo. Il tasso fisso è consigliato a chi teme che i tassi di mercato possano crescere e fin dal momento della firma del contratto vuole essere certo degli importi delle singole rate e dell’ammontare complessivo del debito da restituire. A fronte di questo vantaggio l’intermediario spesso applica con dizioni più onerose rispetto al mutuo a tasso variabile.

Mutuo a tasso variabile

Il tasso di interesse può variare a scadenze prestabilite rispetto al tasso di partenza seguendo le oscillazioni di un parametro di rife rimento, di solito un tasso di mercato o di politica mo – netaria. Il rischio principale è un aumento insostenibile dell’importo delle rate. A parità di durata, i tassi variabili all’inizio sono più bassi di quelli fissi, ma possono aumentare nel tempo, facendo così aumentare l’importo delle rate, anche in misura consistente. Il tasso variabile è consigliato a chi vuole un tasso sempre in linea con l’andamento del mercato, o comunque può sostenere eventuali aumenti dell’importo delle rate.

Mutuo a tasso misto

Il tasso di interesse può passare da fisso a variabile (o viceversa) a scadenze fisse e/o a determinate condizioni indicate nel contratto. Vantaggi e svantaggi sono alternativamente quelli del tasso fisso o del tasso variabile.

Mutuo a due tipi di tasso

Il mutuo è suddiviso in due parti: una con il tasso fisso, una con il tasso variabile. Il doppio tasso è consigliato a chi preferisce una soluzione intermedia tra il tasso fisso e il tasso variabile, equilibrando vantaggi e svantaggi di ciascuno.

Mutuo a tasso agevolato

In alcuni casi gli enti pubblici possono contribuire al pagamento degli interessi di un mutuo.

per ulteriori informazioni contattaci

Il fondo patrimoniale è un particolare tipo di convenzione attraverso la quale determinati beni possono essere destinati a far fronte ai bisogni della famiglia: ciò significa che il fondo patrimoniale è un patrimonio destinato ad uno specifico scopo. La dottrina lo fa rientrare nella categoria del patrimonio separato.fondo Esso può essere costituito dai coniugi, anche durante il matrimonio, tramite atto di costituzione; oppure può essere costituito da un terzo. La proprietà dei beni conferiti spetta ad entrambi i coniugi. Non possono beneficiarne le coppie di fatto, e cessa i suoi effetti in caso di morte del coniuge, separazione, divorzio, annullamento del matrimonio. La sua funzione principale è quella di soddisfare i bisogni della famiglia (e cioè i bisogni relativi ai diritti di mantenimento, assistenza e contribuzione).

Continua a leggere

agevolazioni prima casa 2016

agevolazioni prima casa 2016

Con la legge di stabilità il governo ha stabilito delle detrazioni ed incentivi fiscali sulla casa in caso di acquisto, affitto per la costruzione e ristrutturazione ed anche per l’acquisto di mobili.

Tra queste citiamo:

  • L’Acquisto con leasing
  • La detrazione dell’IVA in caso di acquisto da costruttore
  • La detrazione degli interessi passivi sul mutuo ipotecario
  • Bonus prima casa

Continua a leggere

notaioUn aspetto molto importante del ruolo del notaio è l’imparzialità.

Il notaio, per legge, non deve mai fare l’interesse di una delle parti a danno di altre: non può quindi inserire in un contratto una clausola gravosa per una delle parti e vantaggiosa per l’altra.

Egli deve spiegare alle parti le clausole in modo chiaro e completo, il contenuto e gli effetti giuridici. 

In caso di Mutui o altri contratti bancari ( e quindi redatti sulla base di schemi o formulari predisposti per un numero indefinito di atti) il notaio deve accertare con particolare diligenza che il significato e gli effetti di tali clausole siano compresi e approvati dalle parti.

Se il notaio si trovasse  in conflitto di interessi diretto o indiretto con le parti o una di esse dovrebbe astenersi dall’esercizio delle sue funzioni.

Continua a leggere

CieÈ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 302 del 30 dicembre 2015 il decreto contenete le modalità tecniche per il rilascio della C.I.E. Carta d’identità elettronica.

Il decreto,  definisce le procedure di emissione della C.I.E. determinando le caratteristiche tecniche della piattaforma e dell’architettura logica dell’infrastruttura.

Inoltre, disciplina le modalità tecniche di produzione, distribuzione, gestione e supporto all’utilizzo della carta d’identità.

Nel decreto, vengono inoltre stabiliti i tempi  di consegna della nuova carta di identità: l’interessato potrà riceverla in solo sei giorni dalla data di presentazione della richiesta.
Continua a leggere

rent-to-buy
È una nuova tipologia di contratto in cui si fondono un contratto di locazione e un preliminare di vendita di un immobile.
In pratica il proprietario mette a disposizione l’immobile al conduttore (futuro acquirente), che paga il canone; dopo un periodo stabilito il conduttore può decidere se acquistare il bene, detraendo dal prezzo una percentuale stabilita dei canoni pagati.

Continua a leggere

startup
Una società di capitali o cooperativa di nuova costituzione già esistente da almeno 4 mesi può acquisire la qualifica di start up innovativa. Essa deve essere  finalizzata ad incentivare lo sviluppo, la produzione e commercializzazione di agevolazioni per la fase costitutiva;

Continua a leggere

casa_sicura

Una sintesi dei consigli elaborati dal consiglio notarile di Milano www.comprarcasasenzarischi.it
1. Farsi dare dal venditore la copia del suo atto di acquisto (che si chiama “titolo di provenienza”).

2. Richiedete informazioni sull’esistenza di ipoteche (la verifica sarà comunque fatta dal notaio): se è nota l’esistenza di una ipoteca (per esempio a garanzia di mutuo), richiedete al venditore che ne venga consentita la cancellazione prima o contestualmente al rogito. Continua a leggere

successioni

Esistono due tipi di successione: testamentaria, quando è regolata da un testamento o legittima quando è disciplinata esclusivamente dalla legge. In ogni caso il nostro ordinamento stabilisce che una quota di eredità, la legittima, spetta di diritto ai parenti più stretti. Grazie alla sua preparazione specifica in materia, l’intervento del notaio è di estrema importanza per compiere le scelte più adeguate alle proprie esigenze e tutti i passaggi per una successione sicura. Continua a leggere