Indipendenza ed imparzialità del notaio

Scritto da Notaio Paolo De Martinis on . Postato in Notizie dello Studio

notaioUn aspetto molto importante del ruolo del notaio è l’imparzialità.

Il notaio, per legge, non deve mai fare l’interesse di una delle parti a danno di altre: non può quindi inserire in un contratto una clausola gravosa per una delle parti e vantaggiosa per l’altra.

Egli deve spiegare alle parti le clausole in modo chiaro e completo, il contenuto e gli effetti giuridici. 

In caso di Mutui o altri contratti bancari ( e quindi redatti sulla base di schemi o formulari predisposti per un numero indefinito di atti) il notaio deve accertare con particolare diligenza che il significato e gli effetti di tali clausole siano compresi e approvati dalle parti.

Se il notaio si trovasse  in conflitto di interessi diretto o indiretto con le parti o una di esse dovrebbe astenersi dall’esercizio delle sue funzioni.

Estratto da: PRINCIPI DI DEONTOLOGIA PROFESSIONALE DEI NOTAI

Testo aggiornato, approvato dal Consiglio Nazionale del Notariato

Il notaio deve conformare la propria condotta professionale ai principi della indipendenza e della imparzialità evitando ogni influenza di carattere personale sul suo operare ed ogni interferenza tra professione ed affari. Ugualmente egli deve nella vita privata evitare situazioni che possano pregiudicare il rispetto dei suddetti principi.

Il notaio deve svolgere con correttezza e competenza la funzione di interpretazione e di applicazione della legge in ogni manifestazione della propria attività professionale, ricercando le forme giuridiche adeguate agli interessi pubblici e privati affidati al suo ministero.

 

Trackback dal tuo sito.